Archive

Posts Tagged ‘openstreetmap’

OpenStreetMap Italia è su Facebook

Alcuni volontari di OpenStreetMap hanno deciso di portare su Facebook i pregi della mappa collaborativa più grande del mondo! Sulla pagina dedicata potrete trovare immagini, informazioni ed eventi, relativi all’Italia e ai suoi mappatori ma non solo. Se siete iscritti a Facebook, non dimenticate di mettere “Mi piace” alla pagina!

Per inciso, se siete iscritti a Facebook non dimenticate di mettere “Mi piace” anche alla pagina ufficiale di questo blog 🙂

“OSM enjoys the worst to bring you the best!”

Worst of OSM

Vi ricordate lo spot del salmone in scatola di John West? Quello in cui l’intrepido pescatore di salmone sottrae un pesce all’orso che l’ha appena tirato via dal fiume, combattendo a colpi di kung-fu la bestia… che risponde? Se non l’avete visto, guardatelo (e già che ci siete, guardate anche il magnifico seguito). Lo spot si chiudeva con l’affascinante slogan John West enjoys the worst, to bring you the best! (“John West fa le peggio cose per darvi er mejo” – ringrazio Er Pecora per la traduzione). Oggi posso dire che anche Openstreetmap fa lo stesso!

Un blog aperto da poco più di una settimana ha il chiarissimo titolo “The Worst of OSM”. Il suo intento è umoristico: andare alla ricerca di situazioni strane, curiose o divertenti nella mappa libera del mondo, e pubblicarle per farsi due risate. Di solito si tratta di errori, o di importazioni finite male. Il motto la dice lunga: Everyone edits, but not everyone thinks (“Tutti fanno modifiche, ma non tutti pensano”). Leggi tutto…

Una ricostruzione del naufragio della Costa Concordia

19 gennaio, 2012 2 commenti

Abbiamo ancora tutti negli occhi le immagini del naufragio della Costa Concordia. Riproposta centinaia di volte dai telegiornali e dai fotografi (quella a fianco, da Flickr, è di Roberto Vongher), l’imponente nave da crociera giace ora su un fianco, appoggiata in maniera non troppo stabile, da quanto sentiamo nelle ultime ore, sul fondale roccioso dell’Isola del Giglio.

DigitalGlobe, uno dei principali fornitori di immagini aeree, a cui si rivolge anche Google per mostrare lo sfondo di Google Maps, ha rilasciato nella sua galleria una foto del relitto ad alta risoluzione. (Fonte: Google Earth Blog)

Un altro importante contributo per renderci conto di cosa può essere successo viene dalla ricostruzione realizzata da Paul von Dinther, che qualche anno fa aveva creato alcuni modelli 3D di navi da crociera. Tra queste c’era anche la Costa Concordia; Paul ha quindi deciso di montare un breve video per mostrare in maniera schematica la dinamica dell’incidente.

Segnalo anche che su Openstreetmap è presente il relitto nella sua posizione attuale.

Mappe Garmin libere da Openstreetmap

Openstreetmap

Avevo già parlato di Openstreetmap su questo blog. Avevo accennato a come il progetto di una mappa libera del mondo renda possibile avere database aggiornati per il proprio navigatore, senza alcun costo aggiuntivo (al contrario delle mappe fornite dal produttore del dispositivo), ma non avevo descritto come. Le modalità specifiche variano in base al dispositivo e al software: ognuno, infatti, usa un formato proprietario (più o meno aperto), e quindi è necessario usare strumenti diversi per preparare i dati per ciascun equipaggiamento.

Nel caso dei navigatori Garmin, per fortuna, il procedimento è stato reso semplice dalla comunità olandese di OSM. Leggi tutto…

Mappe aggiornate? Non usate Google!

20 aprile, 2011 2 commenti

Openstreetmap (OSM) è un progetto mirato a creare un database geografico libero a livello mondiale. In parole povere, significa raccogliere dati geografici, punti, strade, nomi di posti, informazioni su qualunque cosa esista e sia geo-localizzabile, e renderli disponibili a chiunque voglia farne uso. È quindi possibile ricavarne mappe (come quelle che vedete sul sito, e molte altre), dati per navigatori e router (i dati di OSM sono già stati portati con successo sui navigatori Garmin e su molti dispositivi basati su Windows CE, oltre che sugli smartphone grazie ad applicazioni open-source), e in generale qualunque tipo di applicazione geo-referenziata.

La grande differenza rispetto ad un servizio come quelli di Google Maps è appunto la libertà. Non solo OSM è liberamente usabile (non solo la mappa, attenzione: proprio i dati!), ma è anche possibile contribuire liberamente in stile wiki. Questo ha diversi vantaggi. Ad esempio, chiunque può mettere qualunque tipo di informazione: questo fa sì che in OSM convivano dati tradizionali, come la rete viaria e i fiumi e i laghi, e dati di interesse specifico, o altrimenti difficilmente reperibili, come ad esempio le piste ciclabili, le fontanelle dell’acqua, i confini amministrativi, i monumenti storici, le aree protette, le strade sterrate di campagna, le linee dei trasporti pubblici, e chi più ne ha più ne metta. Ma non solo: la libera contribuzione permette ai mappatori di aggiornare la mappa quasi in tempo reale, quando ad esempio una strada viene inaugurata o invece chiusa per lavori. Google e i principali produttori di navigatori, che usano le mappe licenziate a pagamento da TeleAtlas o da Navteq, sono invece costretti ad aspettare che il loro fornitore rilasci un nuovo aggiornamento, il che può avvenire dopo mesi o anni. Leggi tutto…

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: