Home > Comunicazione, Cultura > Allegorie incomprese: le nozze di Cana

Allegorie incomprese: le nozze di Cana

Dante e le tre fiere

Dante con la lupa, la lonza e il leone (illustrazione di G. Stradano, 1587). Ognuna delle tre fiere che bloccano Dante all’inizio della Commedia ha un significato allegorico.

Si parla di allegoria quando si esprime un pensiero tramite un’immagine simbolica. Letteralmente significa “dire altro”, secondo l’etimologia che riporta il termine al greco. Si tratta di una figura retorica, ma a differenza della maggior parte di esse l’allegoria può estendersi al di là di una frase o di un periodo, e può riguardare un intero brano o un’intera opera. Inoltre, l’allegoria richiede di solito un’interpretazione razionale e analitica, distinguendosi così dalla metafora, che invece agisce sul piano emotivo.

Spesso la metafora viene usata per rendere poetica un’immagine non necessariamente raffinata: dire che c’è stata un’apocalisse è senz’altro più emozionante di un semplice “è piovuto molto forte”. Al contrario, l’allegoria di norma serve per dare una veste apparentemente comune ad un concetto più alto. Da un lato, questo consente di esprimere con termini semplici e comprensibili un pensiero che altrimenti non sarebbe molto accessibile: il classico esempio è quello delle parabole riportate nei Vangeli.

All’opposto, l’allegoria è stata spesso usata per celare un certo significato dietro ad un’immagine apparentemente banale. L’esempio più famoso è quello delle opere di epoca medievale, e in particolare quelle di Dante, in primis proprio la Commedia. Talvolta lo scopo dell’autore era esattamente quello di far passare messaggi politici, filosofici o comunque polemici e provocatori, coprendoli dietro ad un velo apparentemente innocuo. Solo chi conosce la simbologia, infatti, è in grado di comprendere la vera portata del testo. È una specie di crittografia non matematica, se vogliamo.

Il problema dell’allegoria è che a volte questi due effetti si mescolano, con il risultato peggiore possibile: creati con l’intenzione di essere alla portata di chiunque, certi racconti finiscono per essere presi troppo alla lettera, al punto che il loro vero messaggio rimane sconosciuto ai più. È il caso di uno dei racconti che troviamo nei Vangeli: il miracolo della tramutazione dell’acqua in vino, meglio noto come episodio delle Nozze di Cana.

Il racconto si trova solo nel Vangelo di Giovanni. A differenza degli altri tre Vangeli del Nuovo Testamento, detti sinottici, il Vangelo di Giovanni è altamente simbolico e si distingue sia nello stile sia nei contenuti. Non c’è da stupirsi dunque che proprio un brano di questo libro richieda un’analisi allegorica per essere compreso a fondo.

Perugino, pala di sant'agostino, nozze di cana

Ho ascoltato questa interpretazione qualche anno fa da un frate cappuccino. Egli spiegò che in ebraico “Dio” (YHWH) è grammaticalmente maschile, e “Israele”, inteso nel senso del popolo eletto, femminile. L’Alleanza tra Dio e Israele è quindi rappresentata come un matrimonio, e nella tradizione ebraica il simbolo per eccellenza del matrimonio è il vino.

Iniziate a capire dove stiamo andando? Le nozze di Cana sono il simbolo dell’Alleanza tra Dio e il popolo degli ebrei, e il vino che finisce durante il banchetto indica il venir meno dell’armonia tra lo sposo e la sposa. A questo punto, Maria convince Gesù ad intervenire, e invita i servitori a “fare tutto quello che vi dirà”. Gesù procede quindi a trasformare dell’acqua (elemento fondamentale, da cui nasce la vita, e particolarmente importante in un ambiente desertico come quello della Palestina) in vino, cioè in una ritrovata promessa matrimoniale. Non solo: il vino nuovo è particolarmente apprezzato dal maestro di tavola, che commenta che di solito il vino servito a fine pranzo sia scadente, ma quello sposo ha invece riservato il vino migliore per la fine.

La Nuova Alleanza portata dal Cristo è più solida di quella dell’Antico Testamento, ed è così perché supera un errore che il popolo ebraico commetteva nel rapporto con Dio. Non va sottovalutato un dettaglio del racconto evangelico: l’acqua tramutata in vino viene raccolta in sei recipienti di pietra usati per la purificazione. Essi rappresentano l’ossessione della religione ebraica per i riti e le formalità, un atteggiamento che aveva snaturato il rapporto con il Signore. Questo dimostra che il racconto rappresenta il superamento di una religione basata sulla rigidità delle leggi rituali, e indica in Gesù il portatore di un nuovo messaggio in grado di riportare l’armonia nel rapporto tra l’uomo e Dio.

Questo racconto evangelico ha attraversato i secoli bui del Medioevo, durante i quali la maggior parte della popolazione non aveva accesso a nessuna forma di educazione. Il significato allegorico è andato quasi perso, rimanendo ignoto ai più anche quando il livello medio di istruzione è aumentato: il risultato è che, oggi, l’episodio delle nozze di Cana viene perlopiù recepito come una specie di “magia”, come un prodigio compiuto da chi, attraverso un atto soprannaturale, intende dimostrare la propria natura divina.

Come ho già mostrato più volte in questo blog, la semplificazione di un concetto può renderlo più concreto e più facilmente comprensibile, ma spesso finisce per distorcerne l’intento, rendendosi quindi infine inefficace. Molte opere, soprattutto a tema religioso, vanno interpretate in chiave allegorica; una lettura superficiale finisce per renderle ridicole. Ecco perché è sempre utile cercare di approfondire: il vero significato di un brano potrebbe essere nascosto dietro ad una facciata di banalità…

Advertisements

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: